Ieri

Ieri è stata una di quelle giornate in cui, dopo tre mesi e mezzo di maternità esclusiva, allattamento, cura e alto contatto ti alzi sfinita e vai a letto sfinita. Una giornata in cui tutto quello che desideri è restare sola, per dormire, leggere, disegnare, andare in bagno per un’ora e poi a fare una passeggiata. Avrei ritenuto accettabile, come programma, anche il compito ingrato di aggiornare l’impresentabile curriculum. Senza cani, gatti, mariti/compagni/uomini, bambine gorgheggianti che passano dal riso al pianto senza addurre motivazioni plausibili.
Insomma la voglia di un’altra vita.
Ieri ho arrancato lungo le ore, ho anche preparato un caffè nell’inutile tentativo di darmi una mossa, cercando di tenere la barca pari tra pelo da muta primaverile degli appiccicani sparso ovunque, lavatrici, disgustoso mangime fresco scongelato per animali, il budino al cioccolato più orrido e colloso della storia (che quel santo ha commentato “sembra un po’ la consistenza di quei dolci giapponesi…”) e l’Infanta, la cui adorabilità ha raggiunto vette epiche negli ultimi giorni, in cui è sempre più una persona, cerca di afferrare le cose e portarsele alla bocca, ridacchia ed è così miracolosa che il senso di inadeguatezza difronte a tale portento diventa enorme. Mia figlia sarà migliore di me, devo cominciare a abituarmi all’idea, magari potrei farci un intero percorso di terapia tanto per passare il tempo.
Ieri, che abbiamo sfiorato la tragedia quando quell’uomo, che sta fuori da mane a sera per guadagnare la pagnotta per tutti noi, è tornato a casa con la cena presa dal giappo, quando avevo appena scolato una faticosissima pasta nelle zucchine sfrigolanti in padella.

Abbiamo mangiato il chirashi, messo in frigo la pasta, ci siamo messi a letto e siamo crollati in un sonno senza sogni. Oggi, cioè domani, è un altro giorno. C’è il sole e la letargia primaverile non mi avrà.
Inizio la giornata con le mie vitamine e un colpo di mano di aspirapolvere, con le finestre spalancate. Più tardi magari aggiorno il curriculum.

Un pensiero su “Ieri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...